Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Oggi facciamo quattro chiacchiere con un artista davvero molto particolare, direi un pazzo geniale. La sua musica è semplicemente da ascoltare, apprezzare e amare, credetemi…
Vale la pena ascoltarla! Ora conosciamo l’artista… 


Ciao, è un piacere avere sulle nostre pagine un artista come te.

Iniziamo subito facendoti presentare, anzi, raccontare a tutti i nostri lettori, parlaci brevemente di te. Chi sei e cosa fai nella vita?
Sono Alberto, sono un ragazzo di 36 anni, Toscano Doc, felicemente contadino per mestiere e felicemente contadino nell’anima… Appassionato di musica etnica (sopratutto flamenco), ballerino di latino americano, e amante di tutto quello che è natura e medicina naturale

  • Come e quando ti sei avvicinato al mondo della musica?
    A 13 anni, il mio migliore amico iniziò a suonare la chitarra, mi piaceva ascoltarlo e iniziai anche io… adesso è un amore che dura da 23 anni
  • Tutti i tuoi brani sono senza testi, e il tuo strumento è la chitarra, come mai non hai mai scritto una canzone, intesa proprio con un cantato?  
    Ne ho scritte e ne ho scritte molte… ma non le ho pubblicate
  • Parliamo, invece, del tuo ultimo lavoro “Shitay”, un album composto da 7 brani musicali, uno più bello dell’altro. Vuoi raccontarci qualcosa?
    “Shitay” è una parola in lingua Chehuen, significa “Figlio del vento”, sono 7 brani strumentali divisi fra musiche tribali, musiche Ispaniche e una ninna nanna. Detto questo preferisco non dire altro… gli unici che sanno VERAMENTE come si ascolta la musica sono i pazzi e gli ubriachi, la musica non va capita o spiegata, va goduta, senza aspettative e senza pregiudizi, quindi spero solo che nell’ascoltarla vi trasmetta qualcosa di bello
  • Come nasce la tua musica? Cosa avviene dentro di te per dar vita alla tua musica?
    Parto sempre dall’idea che la musica deve trasmettere un emozione, faccio un genere di per sé molto passionale e in primis è quello che voglio trasmettere… passione… adoro le tonalità minori, le sonorità arabe e la musica “sanguigna”
  • Chi sono i tuoi artisti di riferimento?
    I Gipsy Kings, Kema Baliardo, Paco de Lucia, Vicente Amigo
  • Per quale motivo fai musica? E per quale motivo la gente dovrebbe ascoltare le tue canzoni?
    Non “devono” ascoltarle… spero che “vogliano” ascoltarle… sicuramente sono sonorità che il 99% delle persone trova inusuali o non ha mai sentito, quindi è una cosa da scoprire
  • Tu vieni da una realtà semplice, cosa che tra l’altro apprezzo moltissimo, quali differenze ci sono tra Alberto uomo e Alberto artista?
    Assolutamente nessuna… abbiamo entrambi appetito 🤣

  • Invece, cosa pensi dei talent? Parteciperesti a qualche talent?
    Mi piace molto X-Factor, se ci parteciperei? Mai dire mai

  • Anche tu, non sei più un ragazzo di 20 anni, come ti immagini fra dieci anni?
    Non so… ho 36 anni ma me ne sento 20 quindi fra 10 anni mi vedrò come gli altri 30enni anche se ne avrò 46 
  • Siamo arrivati a fine intervista… Domanda a scelta.
    C’è qualcosa che non ti ho domandato ma che avresti voluto ti chiedessi? Puoi farti una domanda e risponderti.
    Fatti una domanda e datti una risposta…
    Questa fa molto “Gigi Marzullo”….

Domanda: Se dovessi andare a cena e avessi un menù che comprende qualsiasi cosa… cosa mangeresti?
Risposta:
Antipasto toscano con salumi e formaggi con miele
Pasta alla carbonara
Bistecca alla fiorentina accompagnata da fagioli
Profiterol

Contatti Social Alberto Morelli

Instagram
Youtube
Spotify

Leave a comment