Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
A distanza di pochi mesi siamo nuovamente qui ad intervistare un’artista che conosciamo bene, lei è Marika Socionovo. Questa vuole essere una chiacchierata più intima, dopo due o tre volte che intervistiamo un artista, vorremmo anche conoscerlo un po’ più a fondo.
Quindi faremo meno domande ma più personali…

  • Ciao Marika, grazie per essere tornata a parlarci di te…
    Come sempre per coloro che ancora non ti conoscono, presentati e racconta brevemente chi sei…
    Mi chiamo Marika Socionovo ho 38 anni, sono nata a Civitanova Marche (MC) ma vivo da sempre in Ancona (AN), per raccontare chi sono dico semplicemente che se mi si sente di solito è perché canto, mi piace molto meno parlare.
  • Hai appena pubblicato il tuo ultimo lavoro, Canzone del mare, e devo dire che sta andando molto bene. Stanno uscendo molti articoli e tutti a tuo favore. La musica per te è rifugio ed evasione… Vuoi raccontarci un po’ della tua storia?
    E’ vero la musica è da sempre il mio rifugio, l’unico modo per chiudere fuori dalla porta il mondo, i problemi, le sofferenze ed affidare le mie a lei, alla musica che ascolta i miei pianti, le mie gioie, tutto quello che ho dentro, fin da piccolina ho dovuto affrontare tanti problemi e tanti momenti in ospedale e le cuffiette erano sempre con me, a casa nella mia cameretta spesso mi trovavo a giocare a fare “la speaker” che presentava le classifiche musicali e mi ci buttavo sempre dentro per gioco perché sognavo di entrarci… ed eccomi qua, questi giorni a leggere il mio nome proprio negli articoli dove di solito leggo quello dei miei cantanti preferiti.
  • “Canzone del mare” è scritta da Claudio Zilli e Anna Chiara Enni Zincone… di cosa parla questo brano? Sai dirci com’è nato?
    “Canzone del mare” è nata come praticamente tutte quelle che scrive Claudio e poi pensa che potrebbe essere affidata a me, ormai oltre che collaboratori, siamo amici e mi ha presentato il pezzo dicendo “questo è diverso dagli altri.” Infatti a differenza degli altri che abbiamo presentato è un pezzo molto più leggero tipicamente estivo che si propone di tornare mentalmente all’idea dell’estate, che avevamo prima di questo periodo che ci ha inevitabilmente caricato tutti di ansia, paure, preoccupazione e quindi pensare all’estate come sole, relax, musica, momenti per se stessi e avere la libertà magari di pensare al niente.
  • Scrivi la frase più importante di questo brano…
    Ci perdiamo nelle lacrime confusi nell’orgoglio curiosi di sapere.
    Ci facciamo tutti troppe domande e siamo tutti troppo sicuri che le nostre siano le uniche risposte giuste, non considerando gli altri e poi ci perdiamo perché ci scontriamo con gli altri.
  • Parliamo un po’ di te… com’era Marika da bambina?
    Sono sempre stata piuttosto tranquilla anche se testarda e permalosa all’ennesima potenza, da sempre se le cose non sono fatte come dico io son guai.
  • Quali sono i valori che per te contano di più?
    Il rispetto, per se stessi e per gli altri
  • Che sensazioni riesce a donarti la musica?
    L’unica risposta che riesco a dare a questa domanda è che con la musica trovo quel pizzico di sano egoismo che a volte è necessario, quando sto in sala di registrazione o in qualsiasi momento di canto, chiudo la porta e il mondo resta fuori ad aspettare.
  • Dici spesso che non hai grosse aspettative, che tutto quello che la musica ti regalerà lo accetti e va bene così. Ma se dovessi sperare in qualcosa… cosa ti piacerebbe ottenere?
    Dico di non avere grosse aspettative semplicemente perché la mia condizione di salute non mi permette di farmi progetti a lungo termine che poi per un motivo o per l’altro devo bloccare, mi è già capitato in passato e fa star male. Tutto quello che sto vivendo ora è inaspettato e talmente bello che me lo sto vivendo cosi come viene. L’unica cosa che mi sto “imponendo” di realizzare è lo scrivere qualcosa di mio, mi piacerebbe ripetere l’esperienza dell’EP che mi ha dato grandissime soddisfazioni o magari realizzare un album vero e proprio.
  • Abbiamo visto che il tuo album è arrivato ai primi posti della classifica su Amazon, tra i dischi più venduti… Caspita è una grande soddisfazione… e direi che te lo meriti tutto artisticamente e come persona. Ci saranno tante altre sorprese…
    Questo Ep è veramente una fonte incredibile di emozioni perché è uscito nel 2019 e periodicamente me lo ritrovo in classifica. Avreste dovuto vedere la faccia quando mi vidi per la prima volta seconda in classifica superando il bravissimo Francesco Renga, non ci potevo credere.
  • Siamo arrivati a fine intervista e come sempre a questa domanda chiedo a voi di porvi una domanda e rispondervi, ma voglio modificarla leggermente.
    Cosa chiederesti a Marika bambina?
    A Marika bambina chiederei semplicemente sei felice di quello che hai realizzato? E Marika donna risponderebbe : Marika bambina camminava con le stampelle ma i passi più belli li ha fatti seduta sulla sua carrozzina ed è contenta cosi.

Contatti Social MARIKA SOCIONOVO

Instagram
Facebook
Youtube
Spotify

Leave a comment