Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
L’intervista di oggi è una chiacchierata con i componenti di una rock band, gli Everglade, la loro musica porta indietro nel tempo, fa pensare un po’ alla musica che si ascoltava negli anni 70-80, dove il rock era predominante.


– Ciao, è un piacere intervistarvi, ormai ci conosciamo da un po’ era giusto e doveroso poter fare questa intervista. Iniziamo subito presentandovi ai nostri lettori, raccontate brevemente chi siete, cosa fate?
Ciao e grazie per questo spazio dove ci dai la possibilità di farci conoscere dai tuoi lettori. Noi siamo una band nata quasi vent’anni fa che fa musica inedita; nello specifico siamo Matteo (voce e chitarra), Luca (batteria) e Mattia (basso).
Il nostro stile si rifà al rock in genere, anche se le nostre influenze musicali comuni arrivano principalmente dal grunge degli anni ’90 e si sono ampliate nel tempo.

  • Come vi siete conosciuti e in quale modo avete iniziato a fare musica e come vi siete avvicinati a questo mondo straordinario ma difficile?
    Abbiamo iniziato a fare musica come Everglade partendo da un progetto precedente, cui si è aggiunto poi Matteo. Ovviamente nel corso del tempo la band si è evoluta con cambi di formazione, alti e bassi e tutto quanto di norma succede in tutti i gruppi musicali.
  • Il vostro ultimo lavoro è stato “The Flock” uscito a fine ottobre, volete presentarcelo? Com’è nato e di cosa parla?
    L’ultimo singolo che abbiamo fatto uscire è un brano rock scritto e registrato insieme al nostro amico chitarrista Enrico nella nostra vecchia sala prove. Siamo orgogliosi del risultato sonoro ottenuto, perché di fatto è stato un lavoro totalmente autoprodotto (eccezione fatta per mix e mastering). Il messaggio del brano in buona sostanza è questo: non bisogna lamentarsi troppo delle cose che non vanno perchè alla fine, nel mondo, noi siamo quelli più fortunati e se sei il tipo da “maiunagioia” non vogliamo la tua negatività nelle nostre vite.
  • Quali sono i vostri progetti futuri?
    Al momento ci accontenteremmo di tornare a suonare in sala prove (qui è zona rossa), ma guardando più in là abbiamo altri nuovi brani da far uscire ed è probabile che venga pubblicato prossimamente anche un remix della stessa “The Flock”.
  • Descrivete la vostra musica con un aggettivo o con una breve frase…
    Indipendentemente dal brano Everglade che si ascolta, la cosa che si percepisce è l’alchimia particolare che c’è tra noi. Cosa che di sicuro si vede quando suoniamo insieme live.
  • Diteci una frase del brano che ritenete più importante e significativa…
    Non possiamo non citare “The Flock”: è uscita dopo un bel po’ da quando è stata scritta ma secondo noi si è ben integrata con il periodo che stiamo vivendo. Ecco la frase, presa dal ritornello: “I cannot stand the way you see everything black”. Ci vuole positività!
  • Secondo voi, perché la gente dovrebbe ascoltare la tua musica?
    Perché è fatta con il cuore. E a dirla tutta, a differenza di alcune cose che girano in radio, anche con strumenti veri (hehe).
  • Avete un brano a cui siete legati particolarmente e per quale motivo?
    Sicuramente “Danko”. Non tanto per come è stato realizzato (anche questo autoprodotto), ma perché è stato il primo pezzo che abbiamo registrato in tre ed è il primo nel quale Matteo si “presenta ufficialmente” come chitarrista della band.
  • Stiamo vivendo tutti un periodo difficile, a causa del covid, quale sarà la prima cosa che farete quando sarà tutto finito? (anche non legata alla musica)
    Ognuno di noi ha delle cose personali e legate ai propri affetti che ha voglia di fare non appena sarà possibile. Come band quello che ci piacerebbe fare, anche se è banale da dire, è suonare dal vivo.
  • Siamo arrivati a fine intervista… Domanda a scelta.
    C’è qualcosa che non Vi ho domandato ma che avreste voluto Vi chiedessi? Potete farvi una domanda e rispondervi.
    Ad esempio nessuno ci ha mai chiesto di cosa parliamo nella pausa sigaretta delle prove, ma pensiamo che il mondo non sia ancora pronto per saperlo.

Contatti Social EVERGLADE

Instagram 
Facebook 
Youtube 
Spotify 

Leave a comment