Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
L’artista romagnolo, Saimon Sail, si racconta parlandoci anche del suo inedito “Non è cool”. Intelligenza e sensibilità sono gli ingredienti che mette nella sua musica per raccontare
le sue storie e i suoi ideali, e questo con la sua unicità.

Ciao, felici di farti questa intervista. Presentati ai nostri lettori, racconta brevemente la tua storia. Chi sei e quali differenze ci sono tra persona e artista?
Ciao, il piacere è mio. Mi chiamo Simone in arte Saimon Sail. Sono nato il 31/1/1998 a Ravenna, città in cui vivo tutt’ora, e da sempre sono appassionato di musica. Ho iniziato a fare musica quando frequentavo i primi anni delle scuole superiori, e da li non mi sono mai fermato. Io sono tutto quello che potete trovare nei miei testi, ed anche di più. La differenza tra Simone e Saimon Sail è una ed è sostanziale. Saimon Sail dice tutto quello di cui Simone non riuscirebbe mai a parlare.

  • Come nasce il nome Saimon Sail?
    Il nome Saimon Sail è nato per gioco tra i banchi di scuola. Invece che seguire la lezione stavo realizzando delle barchette di carta per me e i miei compagni. E diedi un nome a tutte. La mia si chiamava Saimon Sail. Come sono arrivato a questo nome ? Un po’ per la mia fobia del mare aperto ed un po’ per un gioco di parole inerente alla canzone di Pharoahe Monch – Simon Says
  • Come e quando hai iniziato a fare musica? Come mai fai rap?
    Come dicevo ho iniziato a fare musica tra i banchi di scuola. Ho sempre avuto la passione per la scrittura e ho da sempre ascoltato musica rap. Col tempo ho unito le due cose perché volevo farlo anche io. Ho tante cose che mi piacerebbe raccontare, ho tanti ideali che voglio condividere e credo fortemente nella musica come mezzo di comunicazione. La musica di altri artisti mi ha salvato la vita e voglio che un giorno qualcuno possa dire lo stesso della mia.
  • Il tuo ultimo singolo si intitola “Non E’ Cool” vuoi parlarci di questo brano? Com’è nato e di cosa parla?
    ’’Non E’ Cool’’ è un brano che avevo in cantiere da parecchio tempo. Questo brano è nato dopo una tempesta emotiva, se cosi si può definire. E’ un brano che al suo interno raccoglie diverse parentesi. La fine di una relazione, la difficoltà nel farsi comprendere, le scelte sbagliate e il contesto in cui vivo. Tutte situazioni messe in rima e raccontate tramite metafore. Tutte situazioni in cui, molte altre persone, che vivono o hanno vissuto le emozioni come le vivo io, possono ritrovarsi.
  • Scrivici la frase che ha più importanza in questo brano….
    La frase che ritengo più importante è questa ‘’ L’ho giurato metto tutto a posto fino allora non posso più smettere. Ed ho pregato che un bel giorno conteremo zeri al posto di ste lettere’’. Ho scelto queste barre perché racchiudono tutta la voglia di rivincita e la determinazione che ho.
  • Cosa pensi dei Talent, ti piacerebbe partecipare a X-Factor o Amici?
    Dei Talent penso che diano ai giovani artisti un’ottima possibilità di mettersi in mostra e di lanciarsi. Credo anche che possano offrire spunti migliorativi. Personalmente non seguo i Talent ma se dovessi scegliere uno tra i due, sceglierei sicuramente Amici.
  • Quali sono i tuoi progetti futuri?
    I miei progetti futuri sono diversi, e su più generi. Mi piace variare ed odio stare con le mani in mano. Sto lavorando molto.
  • Per quale motivo la gente dovrebbe ascoltare le tue canzoni?
    Le persone dovrebbero ascoltare le mie canzoni perché sono sicuro che all’interno dei miei brani possano trovare un pezzo di loro. E se i miei ascoltatori si rivedono anche solo in una barra delle mie canzoni, per me è un successo. Io voglio aiutare le persone, con la mia musica, e voglio che le persone vedano in me un amico.
  • Raccontaci un aneddoto riguardante la musica, un momento importante o un episodio…
    Di aneddoti ce ne sono parecchi, ma voglio raccontarvene uno in particolare. E’ un momento che mi ha dato parecchia soddisfazione. Ero ad un live ad una sagra di un paese alle porte della mia città. Stavo cantando il mio brano ‘Lifeless’ quando all’improvviso l’impianto è saltato. Anche se i presenti erano pochi ho continuato a cantare la canzone acappella e tutti mi hanno seguito. E’ stato un salvataggio ben riuscito da una situazione un po’ scomoda. Sentire tutti cantare la mia canzone a tal punto che potevo fermarmi mi ha reso molto felice.

  • Descrivi la musica con una parola; e descrivi te con una parola…
    La musica è vita ed io le sono debitore.
  • Siamo arrivati a fine intervista… Domanda a scelta.
    C’è qualcosa che non ti ho domandato ma che avresti voluto ti chiedessi? Puoi farti una domanda e risponderti.
    Se mi avessi chiesto ‘’Qual è l’artista che stimi maggiormente?’’ Avrei risposto sicuramente ‘’Juice Wrld’’

Contatti Social SAIMON SAIL

Instagram
Facebook
Youtube
Spotify  

Leave a comment